Cellulari Spia Controllo PC Audio Video Posizione GPS Rilevatori Altre

Allarme gas narcotizzante


 
550,00 €
Valutazione generale
5.0/5

866 Recensioni
100% degli utenti lo consiglierebbe a un amico

Maggiori informazioni

Allarme gas narcotizzante, trattasi di cosiddetti “nasi elettronici” particolarmente sensibili ad una miscela di aria e gas combustibili, il più delle volte realizzati con un sensore che può essere composto da una spirale di un metallo molto prezioso, addirittura come il platino, ricoperto da un elemento catalizzatore, e al cui interno viene fatta circolare corrente elettrica. Quest’ultima porta la sua temperatura a circa 500°C in modo tale che, quando il gas viene a contatto con il catalizzatore stesso, si ossida, provocando una combustione che innalza ancora di più la temperatura del filamento.

Tale incremento si traduce in una modifica della resistenza della spirale di platino, direttamente proporzionale alla temperatura, al punto che, maggiore è la concentrazione di gas nell’aria, tanto più il filamento si surriscalda.

Il circuito di analisi del sensore allarme gas narcotizzante è regolato da un microprocessore, converte tale variazione di resistenza in un comando che viene inviato alla centrale di allarme la quale può, a sua volta, attivare gli apparati di dissuasione e di alert. Un rilevatore di gas soporifero è capace di segnalare la presenza di etere etilico e/o di cloroformio in un ambiente nell’ambito almeno di 60/70 m3 persino in percentuale e concentrazione molto basse.

È importante però sapere che la sensibilità di questi dispositivi di allarme gas narcotizzante riveste un ciclo di efficienza caratterizzato da un progressivo, se pur lento, declino del livello di sensibilità. Tale decadimento non dipende dal costruttore dell’apparecchio, ma è in linea di massima condizionato dalla presenza di sostanze interferenti che, gioco forza, sono comunque presenti negli ambienti da controllare. In ogni caso, nelle normali condizioni d’uso, la regolare durata di un sensore di gas soporifero è intorno ai 10 anni, limite, peraltro, assolutamente previsto dalla normativa europea per tutti i rilevatori in ambito domestico.

Per ulteriori informazioni e specifiche tecniche riguardanti l'allarme gas narcotizzante potrete contattare i nostri esperti mediante gli appositi canali.

Scheda tecnica
Codice218
Formato